IL VERO SANTO PAPA PAOLO VI “MARTIRE” E IL SOSIA IMPOSTORE NEL VATICANO

Non sono voci di cortile, sono rivelazioni private che hanno addosso il sigillo della verità Divina. Tenetevi pronti e leggiamoli con calma.

Durante alcuni esorcismi condotti da Sacerdoti Esorcisti, negli anni ’70, si sono avute delle rivelazioni private per bocca dei dannati, sotto giuramento della Verità in nome di Dio, per la volontà di Dio. Questi scritti sono stati pubblicati nel libro “Avvisi dell’altro Mondo” di Bonaventura Meyer e dati in copia a tutti i Vescovi della Conferenza Episcopale tedesca di allora dallo stesso autore del libro. Sono stati letti da centinaia di miglia, forse milioni di persone in tutto il mondo.
Propio oggi, nel giorno in cui Papa Paolo VI viene innalzato agli onori degli Altari, vogliamo dare voce a queste verità taciute per così troppo tempo, sperando che questo possa essere un passo importante per la vittoria definitiva del Cuore Immacolato di Maria a gloria di Dio.

 

DALL’ESORCISMO DEL 16 GENNAIO 1976
IL DEMONIO VEROBA
SVELA L’ESISTENZA DI UN FALSO PAPA IN VATICANO

Veroba: Dovete dire nel nome di Dio, che esiste a Roma un sosia. Ha un volto un po’ diverso di quello del vero Papa, e i suoi occhi non sono così infossati. Il vero Papa è malaticcio e piuttosto debole. Gli occhi del Vero sono azzurri e verdi quelli del falso. Il falso Papa ha studiato teologia. É sacerdote, buon attore. Non è colpevole lui solo, gli altri che l’hanno messo in scena hanno la colpa maggiore. Il Corpo diplomatico si è ben accorto dell’inganno, ma molti non vogliono constatarlo. Ma che i laici non lo constatino è strano. Dovrebbero vederlo quando non è truccato… allora sembra un po’ diverso dal vero Papa. Furono alcuni Cardinali a installarlo. Venne fatto in modo che gli stessi eletti fossero ingannati, come è detto nella Scrittura. Ma adesso gli uomini non leggono più cosi tanto la Scrittura.

DALL’ESORCISMO DEL 13 LUGLIO 1977
IL DEMONIO BELZEBUB CONFERMA
L’ESISTENZA DI UN FALSO PAPA IN VATICANO

 

E: Ti chiedo nel nome… dì la verità! Di che cosa si tratta, se si parla del sosia? Ci hai mentito riguardo a questo? Sì o no? Ti ordino nel nome… dì la verità e soltanto la verità!

B: Trattandosi di una testimonianza importantissima dovete pregare prima un Rosario per confermare e per assicurare che noi diremmo la verità!

Dopo:

E: Nel nome della Trinità di Dio… dì la verità. Qui si tratta di una cosa importantissima. Nel nome di Dio che si rivedrà alla fine dei tempi per giudicare cielo e terra, cioè i vivi ed i morti, nel nome della Madre della Chiesa ti scongiuriamo: É vero quello clic hai detto sul sosia? Vogliamo sentire la verità e soltanto la verità nel nome della Madre della Chiesa. Parla!

B: (grida con voce feroce): É la verità, e la verità, egli… esiste… (grida ripetutamente e disperatamente) !

DALL’ESORCISMO DEL 15 SETTEMBRE 1977
IL DEMONIO UMANO GIUDA ISCARIOTA
CONFERMA L’ESISTENZA DI UN FALSO PAPA IN VATICANO

Rivelazione di Giuda Iscariote (Estratti)

«La malignità del destino fa che molti vescovi, sacerdoti e anche laici hanno spesso soltanto delle visioni parziali e non vedono il complesso, senza qualche falsificazione. Non hanno la totalità. Per esempio, Mons. Lefebvre crede nella Messa tridentina, la proclama. Insegna il regno di Dio senza falsificazione e tutto fa e dice veramente quanto loro in Alto vogliono (mostra in alto). Però non crede che c’è un sosia. Tra gli altri, al contrario, tra quelli stessi che credono nel sosia, ci sono quelli che non credono che la Messa tridentina sia legittima anche… Non voglio più parlare».

«Il vero Papa (il vero Paolo VI) non ha mai stretto e abbracciato gli uomini. É stato molto riservato. Il vero Papa è stato molto riservato nei suoi gesti e nel suo comportamento, e non aveva ricevuto qualsiasi. É il falso Papa che abbraccia e stringe, col protesto di carità cristiana. Il vero non lo farebbe. Chiedete alle guardie che furono al suo servizio. Cercate di interrogare diverse guardie che l’hanno ben conosciuto e sanno se il vero Papa ha fatto questo una volta, o lo fa ancora adesso… Non si può scoprire facilmente, perché non è più molto lì. Però sono due fattori importanti, che si potrebbe studiare e di cui si dovrebbe parlare».

DALL’ESORCISMO DEL 18 Giugno 1977
IL DEMONIO BELZEBUB
PARLA DI PAPA PAOLO VI E DEGLI ERRORI
DOVUTI AL CONCILIO E AL FALSO PAPA

E: Nel nome…!

B: Allora venne Papa Paolo VI, intelligente e pieno d’ingegno. Ma come poteva, lui, frenare o sospendere quello che l’altro aveva incominciato? Oltre a ciò Papa Paolo VI ha pure fatto errori all’inizio. Non sapeva cosa Giovanni XXIII ha detto sul letto di morte. Se ne è accorto in seguito, ma troppo tardi. Ad ogni modo non l’ha realizzato a suo grande svantaggio. Ha persino intrapreso ancora alcuni passi, che hanno ancora maggiormente portato alla decadenza. Il suo Pontificato dura adesso già da 14 anni, e questi 14 anni sono stati orribili per lui. Se n’è accorto molto presto, che quello che il Concilio porta con sé, è tremendo, ma troppo tardi. Da un pezzo si rende conto dei suoi errori, già da anni, ma era ciò nonostante troppo tardi. Cammina già adesso su una via terribile, la strada di un martire, come l’hanno dovuto dire già gli altri demoni prima di me, perché non può far nulla in questa caotica situazione, come si verifica adesso. Si dice sempre: Questo è lo Spirito Santo, questo sarà ben lo Spirito Santo. Se per esempio, il «falso» Papa riceve diplomatici e qualsiasi politico, come pare o conviene ai suoi Cardinali, allora il mondo, ad ogni modo il mondo che si dice fedele al Papa esclama: lo Spirito Santo soffia. Sarà lo Spirito Santo. La maggior parte della gente non sà però, che ciò non ha più nessuna relazione con Io Spirito Santo… Adesso non vogliamo più parlare.

E: Non volete più parlare? Però non hai detto ancora tutto quello che hai da dire, Belzebù. Era diretto dallo Spirito Santo il Concilio, o no? Nel nome…!

B: All’inizio lo Spirito Santo era ancora presente talvolta, ma già allora non sempre.

 

ESORCISMO DEL 31 Ottobre 1975
SUL DEMONIO UMANO GIUDA ISCARIOTA

 Esorcisti
Giuda Iscariote, demonio umano

Giuda parla sul Papa a sui disordini nella Chiesa

E: Giuda Iscariote, noi sacerdoti ti ordiniamo nel nome della SS. Trinità, del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, della Beatissima Vergine e Madre di Dio Maria, dell’Immacolata Concezione, di tutti gli Angeli e Arcangeli, di tutti i Nove Cori degli Spiriti Beati, di tutti i Santi della corte del cielo, dovete voi veramente andar fuori? Dì la verità, Giuda Iscariote, soltanto la verità! Nel nome di queste invocazioni devi dire la verità e soltanto la verità, e nel nome delle Sante Reliquie, che posano sulla tua testa!

G: Devo parlare… Anch’io appartengo in un certo modo ai cori degli angeli. A loro vengo attribuito. Ero alto, ero vescovo.

E: Dì la verità! Continua a parlare quello che devi dire nel nome…!

G: Io sono più alto che gli altri demoni umani. Ho già detto una volta. Ho un angolo terribilmente tetro nell’inferno, Questi demoni umani… io li invidio. Gli altri si trovano bene in confronto a me. Io ho un angolo sporco.

E: Continua a parlare, ciò che devi dire nel nome…!

G: LEI (indica in alto) mi ha avvertito ancora. Io non le ho dato ascolto… (geme terribilmente).

E: Continua a dire la verità, quello che devi dire nel nome della Madre di Dio!

G: Avessi ascoltato! Io l’ho disprezzata in un certo modo. Non potevo sopportarla.

E: Continua a dire la verità nel nome della Madre di Dio! Dì la verità, Giuda Iscariote, ciò che devi ancora dire per suo ordine!

G: Già in partenza non ero venuto proprio per Gesù, Ho sperato di ricevere potenza e dignità reale, e siccome ciò non si avverò, ero deluso.

E: Continua a parlare ciò che devi dire nel nome della Madre di Dio sulla Chiesa! Tutta la verità nel nome…!

G: La Chiesa Cattolica si trova in un pessimo stato. Se non intervengono dall’ALTO (mostra in alto) Essi stessi, non potrebbe essere salvata. Però devono avverarsi prima le parole: «Io sono con voi ogni giorno fino alla fine del mondo». Ci sarà un’epurazione completa, un’epurazione terribile, che non ci conviene del tutto, sapete!

E: Continua a dire la verità…!

G: Siamo in giro adesso, specialmente ancora questi ultimi mesi, non siamo mai stati così in giro finora.

E: Continua a dire la verità nel nome…!

G: Certamente non da mille anni. E: Continua a dire la verità e soltanto la verità! Nel nome della Madre di Dio, dì la verità sulla Chiesa!

La situazione del Papa

G: Il Papa… è un martire. Egli giace in un certo modo in terra, vorrebbe morire. A queste condizioni non vorrebbe più vivere. Il pensiero lo travaglia terribilmente perché ciò che egli dice non esce nel mondo e ciò che egli non vorrebbe esce appunto attraverso i cardinali. In ogni modo sono molti ì cardinali, non proprio tutti, ma molti sono così. Egli ha terribilmente da fare. Egli è in un carcere peggiore di un vero carcere. Noi provochiamo quanto possiamo. Ci siamo riusciti in molti casi.

E: Continua a dire la verità… soltanto la verità!

G: Egli è privato della sua libertà… e così non può più far tanto. Per questo noi parliamo anche di una lucciola, che può soltanto strisciare sul terreno e ha niente da dire né a destra né a sinistra e nemmeno davanti o di dietro. Questo fanno gli altri, fanno i falsi, fanno quello che vorrebbero liquidarlo volentieri.

E: Continua a dire la verità, la pura verità e soltanto la verità per ordine della Madre di Dio! Continua a dire quello che devi per ordine del cielo!

È un grande Papa, ma le sue mani e i suoi piedi sono legati

G: Bisogna pregare per il Papa. Egli si trova in uno stato peggiore di quello di un martire. Egli preferirebbe essere lapidato come Stefano. É un grande Papa, benché debba tacere. Egli porta una croce. É raro che qualcuno gli sia uguale, anche se pare piccolo e come incapace. È un grande Papa. All’inizio ha ben fatto errori, ma lo riconosce da lungo tempo e adesso le sue mani e i suoi piedi sono legati, perfino la sua lingua. Egli grida al cielo, vorrebbe che l’antica liturgia – la messa tridentina – venisse introdotta di nuovo, egli vorrebbe… ma le sue mani e i suoi piedi sono legati e non può far nulla.

E: Dì soltanto la verità per ordine della Madre di Dio! Parla la verità e soltanto la verità sulla Chiesa e sul Papa Paolo VI!

G: Naturalmente Papa Paolo VI vorrebbe introdurre nuovamente la messa tridentina. Se voi stessi doveste vedere o leggere alla televisione o in altro modo delle novità, allora queste non provengono da lui.

E: Dì la verità nel nome…!

Dio stesso Interverrà

G: Essi fanno con lui quello che vogliono (*) Sono lupi, secondo il vento… É quello che vogliono… è come lo vuole il popolo moderno, la grande massa. Allora sono ben visti. Nuovamente vengono ingannati perfino i sacerdoti buoni e tradizionalisti, che finora non lasciavano nessun dubbio di ciò che pensa il Papa. Ma adesso i pensieri del Papa non sono più i suoi. Adesso, in questo tempo, in questo terribile tempo di confusione, il Papa non può più far praticamente niente. Adesso Dio deve intervenire Lui stesso… E interverrà presto, fra poco.

E: Che cosa significa presto, fra anni? Parla nel nome… la piena verità!

G: No. ciò no. Si trova più vicina, più vicino di quello che credete.

E: Dì la verità nel nome della Madre di Dio sulla Chiesa e sul Papa! Continua a dire quello che devi dire, soltanto la verità.

G: E il più terribile per il Papa è che egli vede, come perfino sacerdoti tradizionalisti dubitano dei suoi pensieri e della sua volontà. Non può far niente; essi sopprimono tutto. Se lui stesso volesse promulgare qualche cosa, non verrebbe fatto. Glielo sopprimono prima che sia alla posta.

E: Perché non parla durante le adunanze, nelle udienze pubbliche? Lì potrebbe parlare liberamente. Dì la verità su Papa Paolo VI!

G: Certe volte non ha più voglia; certe volte non sa neppure più cosa dice. Con ciò si hanno poi questi terribili malintesi e confusioni (**) É un povero Papa. La Madre di Dio ha misericordia di lui e Cristo pure. Ma egli deve sopportare il suo martirio, preferirebbe essere linciato dai suoi propri cardinali che vivere così. Egli sa che sono contro di lui. Egli lo sente, è troppo sensitivo. Ha i nervi sensibili. Non è un Papa aggressivo. Un Papa aggressivo non sarebbe stato utile adesso. Sarebbe già da lungo tempo stato obbligato ad abdicare,

E: Continua a dire la verità! Ti proibiamo nel nome… di mentire!

G: Era previsto nel piano di Dio di insediare un Papa umile, sottomesso, disinteressato, adesso con la situazione attuale. La Scrittura deve essere adempiuta, per questo Papa Paolo VI doveva venire adesso. Egli era effettivamente designato, solo ESSI (mostra in alto) hanno compassione di lui, Ma non durerà più lungamente, Il suo martirio sarà presto finito, ma per lui dura ancora a lungo, giacché per lui i giorni durano come settimane, o peggio, come mesi. Bisogna pregare molto dì più. É terribile per lui quando vede che la Chiesa è in discesa, come tutto va sottosopra. Credo che vorrebbe ancora tutto come era una volta. Preferirebbe che questo Concilio non fosse mai stato convocato del tutto. Egli, vede che ci sono conseguenze terribili, spezzanti, rovescianti, che non possono più essere trattenute. Non possono più essere trattenute, nemmeno con la preghiera.

E: Continua a parlare quello che devi dire per ordine della Madre di Dio sulla Chiesa e su! Papa!

G: Bisognerebbe dirlo a tutti i vescovi che il Papa si trova sotto influssi. Ma essi non lo credono; sono loro stessi accecati. Che serve a loro qui il dottorato e la loro intelligenza quando sono così accecati e non credono? Noi sappiamo di più, molto di più che i vescovi.

E: Dì la verità e soltanto la verità nel nome della Madre di Dio…!

G: Uno ha paura degli altri. Ognuno ha paura del popolo, che potesse essere scacciato. Ognuno vuol ballare secondo il vento che tira, anche se è errato.

E: Dì la verità nel nome della Madre di Dio!

G: É stonato questo violino. Presto da questo strumento non ne uscirà un tono giusto; e ciò vuol chiamarsi Chiesa! Una Chiesa maledetta, corrotta, confusa è questa, che presto non si può più chiamare Chiesa.

E: Ma questo non è della Madre di Dio, se tu dici «è una Chiesa maledetta»!

G: Questo è di noi. Questa frase è nostra.

E: Dì soltanto la verità e soltanto quello che vuole la Madre di Dio!

G: Però è la verità. In un certo modo Lei vuole che io dica questo.

E: Dì nel nome della Madre di Dio soltanto la verità, la piena verità!

G: Siamo presto al punto che le sètte sono migliori del vostro cattolicesimo. Le sètte sono presto migliori, perché non hanno la dottrina sana e non sono guidate così fortemente dallo Spirito Santo; in verità sono le loro proprie idee che vogliono portare nel mondo così come amano farlo. Ce ne sono ancora che non vorrebbero propagare il nuovo modo di fare, vorrebbero che andasse ancora secondo la vecchia usanza. Lo vorrebbero ancora, ma sono troppo vili. La loro viltà li accusa, fino in alto, fino agli ALTI (mostra in alto).

E: Continua con la verità nel nome…!

G: Se si prega molto, alquanti riceveranno l’Illuminazione, ma per molti è già troppo tardi. Ciò deplora il cielo, ciò deplora la Madre di Dio, ciò deplora il Papa, solo loro sono d’accordo adesso. I cardinali – in ogni modo molti – non sono d’accordo. Fanno esattamente il contrario di quello che quelli IN ALTO (mostra in alto) vogliono e di quello che vorrebbe il Papa. Per il Papa è terribile.

E: Continua a dire la verità nel nome della Madre di Dio, dì tutto quello che devi dire nel nome…!

Dio stesso precipiterà il Modernismo

G: Noi temiamo il Papa, vuol dire che adesso in fondo non dobbiamo più temerlo, perché il suo Vaticano viene diretto dai cardinali. Il Papa soffre tutto il tempo, ma in fin dei conti egli può salvare in tal modo più anime e fare di più di quello che noi vorremmo.

E: Dì la verità per ordine della Madre di Dio, soltanto la piena verità, continua!

G: Succederà pertanto che Dio stesso dovrà precipitare il modernismo. Le cose ricominceranno là dove sono state lasciate, all’anziano, al tradizionale, a quello che deve essere e a quello che ESSI in alto (mostra in alto) vogliono, e non a ciò che l’umanità si è fabbricato da lei stessa.

E: Continua a dire la verità per ordine della Madre di Dio, soltanto la verità!

G: Se il Papa non stesse sotto sequestro (***) e continua sorveglianza da sinistra e da destra, potrebbe ben governare ancora tanto, se le sue parole vengono sentite dall’esterno. Negli ultimi mesi è diventato però terribile. Praticamente non esce più in pubblico e quel che vorrebbe dire viene smentito, soppresso, cambiato… fino alla falsificazione. Viene falsificato. Nessun mezzo è per loro troppo vile per promulgare ciò che essi – i cardinali – hanno nelle loro teste. Niente è loro troppo vile, perché è il tempo della fine. Se non fossimo così al timone e se non avessimo i cardinali talmente nel nostro potere, si controllerebbero meglio. Ma siccome noi fomentiamo talmente e così tanti maghi negromanti provocano disordini, abbiamo i cardinali in questo momento completamente sotto sequestro. Il meglio è di pregare molto lo Spirito Santo. Come è già stato detto da me e da Acabor riguardo all’ubbidienza – io l’ho detto, io, Giuda – adesso non si deve più ubbidire [dove regna il maligno].

Ubbidienza alla Chiesa

E: Dì la verità sulla Chiesa, continua a parlare nel nome… Non devi mentire nel nome…!

G: É quasi da ridere, in certo modo l’ubbidienza non venne mai così glorificata come adesso. Tutto d’un tratto viene adesso l’ubbidienza (ride ironicamente).

E: Dì soltanto la verità per ordine della Madre di Dio!

G: Adesso tutti si riferiscono all’ubbidienza, adesso che è facile.

E: Dì la verità, Giuda Iscariote, non quello che volete voi demoni. Nel nome…!

G: Deriva DALL’ALTO. Noi dobbiamo dire la maledetta verità. Adesso che è così facile l’essere in un certo modo ubbidiente – per coloro che pensano modernamente a cui piace aver molti denari e che hanno tutto – adesso viene tutto d’un tratto l’ubbidienza di nuovo in campo come una pallottola sparata! Finora non era così attuale, ma adesso tutto d’un tratto sì!

E: Dì la verità per ordine della Madre di Dio, soltanto la verità!

G: A noi piace ciò. Che continuino soltanto cosi, ma QUELLI LASSÙ (mostra in alto) lo vedono malvolentieri. I loro piani sono differenti e sarebbero in fondo diversamente, ma deve essere adempito il Vangelo. Tutti i loro piani devono essere adempiti perfino sotto grandi catastrofi e sotto le più grandi confusioni e conflitti tra i popoli.

(l’esorcismo continua ma per questione di praticità lasciamo che sia il lettore a leggerlo tutto dal libro di Banaventura Meyer, alla fine di questo articolo trovate i riferimenti)

(*) Cfr. la parola ricevuta da! Signor Gesù da Jeannette de France, il 1° agosto 1976: «Il Papa ha aperto la porta a tutto quanto succede adesso, però lo paga tra lacrime dì sangue».
(**)  Sono quelli del sosia impostore.
(***)  L’esistenza dell’impostore, sosia di Paolo VI, spiega anche tante cose.

 

DALL’ESORCISMO DEL 30 MARZO 1976
SUL DEMONIO BELZEBUB

 

E: Belzebù, continua a parlare quello che hai da dire ancora per ordine della Madre di Dio, e soltanto la verità!

Papa e Chiesa

B: Adesso va male sulla terra. Il Papa ne soffre molto, non riesce quasi più ad osservare le vicende. É un martire, soffre più del martire Stefano. Siccome praticamente non ha più nulla da dire, dovete almeno divulgare fortemente questi libri di Maria di Gesù in Agreda, di Caterina Emmerich e la «Imitazione di Cristo». Là IN ALTO lo desiderano.

E: Che cos’altro hai da dire, Belzebù? Parla nel nome della SS. Trinità!

B: Ci sarà naturalmente una lotta aspra, una lotta aspra. Lo sa anche QUELLA IN ALTO (mostra in alto).

E: Parla la verità nel nome della SS. Trinità, della Beatissima Verdine Maria, del S. Arcangelo Michele, di tutti i Santi Angeli ed Arcangeli!

B: Il Papa soffre terribilmente per causa della nuova messa. Sa che il documento riguardante la messa non è stato compilato come lo voleva lui, e che la nuova messa… (grida terribilmente).

E: Nel nome della SS. Trinità dì la verità!

B: O, non parliamo volentieri del Papa. Abbiamo da fare ben altro per il momento. Dobbiamo buttarci sugli uomini. Sul Papa in persona non possiamo più buttarci così fortemente (ringhia terribilmente).

E: Belzebù, tu devi dire però la verità nel nome della SS, Trinità, della Beatissima Vergine e Madre di Dio Maria! Parla quel che hai ancora da dire!

B: Abbiamo già detto una volta che Papa Paolo VI aveva elaborato e voleva anche divulgare un documento a favore della messa tridentina. É stato così: il Papa aveva voluto istituire di nuovo la messa di Pio V. Aveva redatto un documento corrispondente con tutti gli annessi e connessi e voleva pubblicarlo urbi et orbi. Alcuni dei suoi incaricati deliberarono sulla possibilità d’impedire la restaurazione della messa tridentina. Composero in seguito un altro documento così raffinato nella presentazione e redazione che non si poteva riconoscere a colpo d’occhio se era falsificato. Il Papa, il bravo Papa (*), controllava il tenore e noi l’accecammo in maniera tale, che non s’accorgesse della falsificazione della «copia». Siccome c’era la sua firma la gente credeva… e dicono che questo viene veramente dal Papa. E adesso è così (ride malignamente).

E: Perché lo Spirito Santo ammette questo nella Chiesa? Belzebù dì la verità nel nome della SS. Trinità… della Beatissima Vergine e Madre di Dio Maria!

B: Lo ammette perché la Scrittura sia adempita. Si diceva già da lungo tempo che ci sarà un tempo di grande confusione e un tempo ove ognuno dirà: «Guardate, Cristo è qui e Cristo è là». Oggi ognuno dice: Questo è meglio, quell’altro è meglio, e quello è migliore… E nessuno sa quel che vuole. Ognuno crede dì essere capace e in sella e mette se stesso in prima linea. Ci sono persino uomini che sono seguaci di molti Cristi… ed altri che seguono soltanto uno, seguono magari quello falso (risata maligna).

E: Ma la Chiesa Cattolica viene pur diretta dallo Spirito Santo, nel nome…!

B: Naturalmente è lo Spirito Santo che dirige la Chiesa. Ma se noi ci mettiamo ad aggrovigliare, se certi cardinali e vescovi non sono migliori, non è colpa nostra se essi si lasciano prendere dalle nostre finte.

E: Belzebù, continua a parlare quello che hai ancora da dire per ordine della Madre di Dio, e soltanto la verità!

B: In fondo la Chiesa non dovrebbe superare questa crisi, ma deve essere così, affinché il mondo venga setacciato secondo la predizione di Cristo. Verrà presto un tempo ove ci sarà soltanto destra e sinistra e nulla frammezzo. Forse non ci sareste venuti a questo punto, se non ci fosse stata questa grande confusione. É chiaro che bisogna setacciare. I cristiani che dopo rimarranno saranno migliori dell’antica Chiesa negli ultimi cinquecento anni. E: Nel nome della SS. Trinità, del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ti ordiniamo, Belzebù, di dire quello che hai da dire ancora per ordine della Madre di Dio! B: Ancora una volta devo ripetere che le Rivelazioni di San Giovanni sull’Apocalisse, come sono annotate nella Bibbia, non vengono comprese giustamente dalla maggior parte degli uomini, perché là viene parlato in misteri. Per capire meglio, la gente fa bene a consultare il libro «Maria di Gesù in Agreda», Là le viene spiegato chiaramente molto di ciò che concerne le Rivelazioni. Adesso è l’ultimo tempo, perciò tutti i credenti dovrebbero prendere in mano questi libri e consultarli. Avrebbero migliore conoscenza di tutto.

(*) perché al momento c’erano due Papi in vaticano, di cui uno solo era il vero Papa Paolo VI e l’altro era un sosia inscenato dalla Massoneria ecclesiastica.

[…]

Ultimi tempi

B: Già Cristo diceva: «Ci sarà un tempo in cui si dirà, qui c’è Cristo e là c’è Cristo. Se qualcuno vi dice, ecco è nel deserto, non credetelo e non andateci, perché si presenteranno Cristi falsi e profeti falsi, per sviare se possibile anche gli eletti». Questa sentenza potrebbe ben essere applicata a tali falsi graziati. Molti uomini corrono dietro a tale gente come a Cristi falsi. Apparirà ben l’Anticristo come falso Cristo, ma con queste parole è inteso anche quello sopracitato.

E: Belzebù, dì la verità nel nome della SS. Trinità… della Beatissima Vergine e Madre di Dio Maria, quello che hai ancora da dire!

B: Voi venite sottoposti ad una prova adesso, ma la Chiesa risorgerà con nuovo splendore.

E: Nel nome…!

B: Imparate la parabola del fico «Quando vedete che già mettono i germogli, voi sapete che l’estate è vicina; così quando vedrete succedere queste cose, sappiate che il Regno di Dio è vicino». Adesso questo tempo è terribilmente vicino. LEI (mostra in alto) fa dire: «Perseverate, fate penitenza e convertitevi finché siete ancora in tempo» … perché verrà il LORO giorno (ruggisce terribilmente come un leone) il giorno della giusta ira di Dio!

Per la lettura integrale di questi scritti si rimanda al libro di provenienza “Avvisi dell’altro Mondo” di Bonaventura Meyer

 

perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre. (Fil.2,10-11)