Miracolo a Oropa: il volto della Madonna nera senza polvere.

miracolo statua madonna oropa basilica biella

Passano Il fazzoletto sul volto della Madonna e  ogni volta, da quasi 300 anni, non resta un grano di polvere!

Le passano il fazzoletto immacolato sul viso. E ogni volta, da quasi 300 anni, sul lino bianco del panno non resta un grano di polvere. È il «miracolo» di Oropa, che dal 1720, a metà novembre, si ripete nella Basilica antica del santuario sopra Biella, dedicato alla Madonna Nera. Il volto senza polvere è il suo, fissato da una folla di fedeli che attende che il rettore, dopo il rito, mostri il fazzoletto al vescovo, ai sacerdoti e ai pellegrini.

Sabato la tradizione s’è rinnovata, e il panno è rimasto bianchissimo. Segno di buon auspicio, come accade a Napoli col sangue liquefatto di San Gennaro. Ma con una differenza: qui a Oropa il «miracolo» non è mai mancato. Una volta la statua non aveva nessun vetro a proteggerla, e il fenomeno era molto più sorprendente. Ora, nonostante la teca di protezione di vetro, sul corpo della Madonna e anche di Gesù bambino, tenuto in braccio, si crea sempre uno strato di polvere: che però sui due volti non si ferma mai. «Noi parliamo di prodigio, non di miracolo – spiega il rettore del Santuario, don Michele Berchi -. La pulizia del viso è un rito fondamentale per la nostra comunità, che rinsalda ogni anno il legame profondo tra i biellesi e la Vergine Bruna».

Il cerimoniale è codificato da quasi tre secoli, quando venne attestato per la prima volta dal canonico Agostino Penna. Intorno al 20 novembre, in occasione della festa della presentazione di Maria al Tempio, la statua viene rimossa dalla teca dove è custodita tutto l’anno e appoggiata sull’altare. Dopo che il rettore ha pulito i volti della Madonna e del bambino una suora, con un secondo fazzoletto, inizia la delicata opera di pulizia dell’abito. E su di esso un po’ di polvere rimane. «Il secondo panno non lo mostriamo mai ai presenti- aggiunge don Berchi -: la fede non necessita di controprove». E’ successo però nel 2013 che il fazzoletto usato per pulire l’abito fosse stato incidentalmente posato accanto a quello del viso: il primo era immacolato mentre il secondo era coperto di polvere.

Nonostante questo, a Oropa scelgono il basso profilo e schivano accuratamente la parola «miracolo»: «Si verrebbero a creare sensazionalismi che non aiutano la fede e creano solo curiosità», sentenzia il rettore. E se un giorno si scoprisse che il volto della statua è impolverato? Il fatto, in teoria, sarebbe considerato «di cattivo presagio»: «Ma è una possibilità che non abbiamo mai valutato – sorride don Berchi -: da 300 anni non è mai accaduto».

 A cura di: EMANUELA BERTOLONE
BIELLA

Fonte: La Stampa

Commenti

commenti

error: Content is protected !!