Archivio tag: Medjugorje

Messaggi della Regina della Pace di Medjugorje sul Santo Rosario

Si riportano i messaggi dati dalla Madonna, Regina della Pace, a Medjugorje sul Santo Rosario e la preghiera.
Continua a leggere

“RIPRENDETE L’USO DELL’ACQUA BENEDETTA!”

“Dovete sapere che satana esiste. Egli un giorno si è presentato davanti al trono di Dio e ha chiesto il permesso di tentare la Chiesa per un certo periodo con l’intenzione di distruggerla. Dio ha permesso a satana di mettere la Chiesa alla prova per un secolo ma ha aggiunto: Non la distruggerai! Questo secolo in cui viviamo è sotto il potere di satana ma, quando saranno realizzati i piani di Dio, il suo potere verrà distrutto. Già ora egli comincia a perdere il suo potere e perciò è diventato ancora più aggressivo: DISTRUGGE I MATRIMONI, SOLLEVA DISCORDIE ANCHE TRA LE ANIME CONSACRATE, CAUSA OSSESSIONI, PROVOCA OMICIDI.” (La Madonna ai veggenti di Mejdugorje)

Proteggetevi dunque con il digiuno e la preghiera, soprattutto con la preghiera comunitaria.  Portate addosso oggetti benedetti e poneteli anche nelle vostre case. E riprendete l’uso dell’acqua benedetta!”

(La Madonna ai veggenti di Mejdugorje)


Santa Teresa d’Avila utilizzava moltissimo l’acqua benedetta ed aspergeva ogni sera il suo letto. Anche Padre Pio la usava sempre.

Come fare per trovare l’acqua benedetta? Il modo migliore è recarci presso un Sacerdote disponibile e, soprattutto, convinto della potenza dell’acqua benedetta.


Con la Santa Messa e i Sacramenti (in particolare Confessione e Comunione), la preghiera continua, il Santo Rosario, il digiuno, e con l’uso dei Sacramentali, come ad esempio l’Acqua Benedetta (o la Medaglia Miracolosa), possiamo vincere ogni tentazione del Demonio e superare ogni difficoltà e prova, in famiglia, con i parenti, gli amici, i colleghi di lavoro e anche con chi non conosciamo personalmente, perché Dio ci sarà sempre vicino e metterà la sua Croce vittoriosa davanti a tutti i nostri Nemici (che sono specialmente le tentazioni malefiche offerte a noi dal Demonio oltre che persone malintenzionate). Seguiamo quindi tutti i consigli della Mamma Celeste, facciamo uso dell’Acqua Benedetta e preghiamo maggiormente in famiglia cercando sempre l’unione, la comprensione e pace con chi ci è vicino e lontano e cerchiamo di fuggire ogni occasione che ci porta inevitabilmente a cadere nel peccato.

Portate addosso oggetti benedetti e poneteli anche nelle vostre case. E riprendete l’uso dell’acqua benedetta!”

Una fede profonda e un cuore puro possono chiamare il Cielo in soccorso dei suoi figli. Nessun uomo e nessuna donna verrà mai lasciato solo sulla terra, luogo di esilio per i credenti, se questi anelano alla visione Beatifica di Dio in Paradiso e vivono in comunione con Gesù Cristo nostro Signore nella Via che porta alla Vita secondo la Verità a noi Rivelata. La buona volontà umana porta grazie potentissime dal Cielo e permette ogni bene e consolazione in questa vita passeggera e di prova. Accogliamo perciò l’aiuto che ci viene offerto da Dio e attraverso l’intercessione di Maria Santissima e di tutti i santi seguendo i loro precisi consigli.

“venite con me a vedere il Paradiso, il Purgatorio e l’Inferno”

La Madonna mostra ai veggenti di Medjugorje, Vicka e Jacov, l’aldilà !

Padre Livio di Radio Maria intervista la veggente Vicka di Medjugorje per testimoniare questo fatto.

Padre Livio: Dimmi dove eravate e che ore erano.
Vicka: Eravamo nella piccola casa di Jakov, quando la Madonna è venuta. Era un pomeriggio, verso le 15,20. Sì, erano le 15,20.
Padre Livio: Non aspettavate l’apparizione della Madonna?
Vicka: No. Io e Jakov di ritorno da Citluk siamo andati a casa sua dove c’era sua mamma (Nota: La mamma di Jakov ora è morta). Nella casa di Jakov c’è una camera e una cucina. Sua mamma era andata a prendere qualcosa per prepararci da mangiare, perché un po’ più tardi avremmo dovuto andare in chiesa. Mentre aspettavamo, io e Jakov ci siamo messi a guardare un album di fotografie. Improvvisamente Jakov è andato giù dal divano prima ancora di me e ho capito che la Madonna era già arrivata. Subito ci ha detto: “Tu, Vicka, e tu, Jakov, venite con me a vedere il Paradiso, il Purgatorio e l’Inferno”. Io mi sono detta: “Va bene, se così vuole la Madonna”. Jakov invece ha detto alla Madonna: “Tu porta Vicka, perché loro sono in tanti fratelli. Non portare me che sono figlio unico”. Diceva così perché non voleva andare.
Padre Livio: Evidentemente lui pensava che non sareste più tornati! (Nota: la riluttanza di Jakov è stata provvidenziale, perché rende ancora più credibile e reale il racconto).
Vicka: Sì, lui pensava che non saremmo più tornati e che saremmo andati per sempre. Io intanto pensavo quante ore o quanti giorni sarebbero stati necessari e mi chiedevo se saremmo andati in alto o in basso. Ma in un attimo la Madonna ha preso me per la mano destra e Jakov per la mano sinistra e il tetto si è aperto per lasciarci passare.
Padre Livio: Si è aperto tutto?
Vicka: No, non si è aperto tutto, ma solo quella parte che era necessaria per farci passare. In pochi istanti siamo arrivati in Paradiso. Mentre salivamo, vedevamo giù in basso le case piccole, più piccole di quando si vedono dall’aereo.
Padre Livio: Ma tu guardavi giù sulla terra, mentre venivate portati in alto?
Vicka: Mentre venivamo portati in alto, guardavamo giù.
Padre Livio: E che cosa vedevate?
Vicka: Tutto molto piccolo, più piccolo di quando si va in aereo. Intanto pensavo: “Chissà quante ore o quanti giorni ci vogliono!”. Invece in un momento siamo arrivati. Ho visto un grande spazio….
Padre Livio: Senti, ho letto in qualche parte, non so se è vero, che c’è un porta, con una persona piuttosto anziana accanto.
Vicka: Sì, sì. C’è una porta di legno.
Padre Livio: Grande o piccola?
Vicka: Grande. Sì, grande.
Padre Livio: E’ importante. Significa che vi entra tanta gente. La porta era aperta o chiusa?
Vicka: Era chiusa, ma la Madonna l’ha aperta e noi vi siamo entrati.
Padre Livio: Ah, come l’ha aperta? Si è aperta da sola?
Vicka: Da sola. Siamo andati verso la porta che si è aperta da sola.
Padre Livio: Mi pare di capire che la Madonna è davvero la porta del cielo!
Vicka: A destra della porta c’era S. Pietro.
Padre Livio: Come hai fatto a sapere che era S. Pietro?
Vicka: Ho capito subito che era lui. Con una chiave, piuttosto piccolo, con la barba, un po’ tarchiato, con i capelli. E’ rimasto uguale.
Padre Livio: Era in piedi o seduto?
Vicka: In piedi, in piedi, vicino alla porta. Appena entrati, siamo andati avanti, camminando, forse tre, quattro metri. Non abbiamo visitato tutto il Paradiso, ma la Madonna ce lo ha spiegato. Abbiamo visto un grande spazio avvolto da una luce che non esiste qui sulla terra. Abbiamo visto le persone che sono né grasse, né magre, ma tutte uguali e hanno vesti di tre colori: il grigio, il giallo e il rosso. Le persone camminano, cantano, pregano. Ci sono anche dei piccoli Angeli che volano. La Madonna ci ha detto: “Guardate quanto sono felici e contente le persone che si trovano qui in Paradiso”. E’ una gioia che non si può descrivere e che qui sulla terra non esiste.
Padre Livio: La Madonna vi ha fatto capire l’essenza del Paradiso che è la felicità che non finisce mai. “In cielo c‘è la gioia”, ha detto in un suo messaggio. Vi ha fatto poi vedere le persone perfette e senza alcun difetto fisico, per farci comprendere che, quando ci sarà la resurrezione dei morti, avremo un corpo di gloria come quello di Gesù Risorto. Vorrei, però, sapere che tipo di vestito indossavano. Delle tuniche?
Vicka: Sì, delle tuniche.
Padre Livio: Arrivavano fino in fondo ai piedi o erano corte?
Vicka: Erano lunghe e arrivavano fino in fondo.
Padre Livio: Di che colore erano le tuniche?
Vicka: Grigio, giallo e rosso.
Padre Livio: Secondo te, hanno un significato questi colori?
Vicka: La Madonna non ce lo ha spiegato. Quando Lei vuole, la Madonna spiega, ma in quel momento non ci ha spiegato perché hanno le tuniche di tre diversi colori.
Padre Livio: Come sono gli Angeli?
Vicka: Gli angeli sono come dei piccoli bambini.
Padre Livio: Hanno il corpo completo o solo la testa come nell’arte barocca?
Vicka: Hanno tutto il corpo.
Padre Livio: Indossano anche loro delle tuniche?
Vicka: Sì, ma sono corte.
Padre Livio: Si vedono le gambine allora?
Vicka: Sì, perché loro non hanno le tuniche lunghe.
Padre Livio: Hanno delle piccole ali?
Vicka: Sì, hanno le ali e volano al di sopra delle persone che sono in Paradiso.
Padre Livio: Una volta la Madonna ha parlato dell’aborto. Ha detto che si tratta di un grave peccato e ne dovranno rispondere coloro che lo procurano. I bambini invece non hanno colpa di ciò e sono come dei piccoli Angeli in cielo. Secondo te, gli Angioletti del Paradiso sono quei bambini abortiti?
Vicka: La Madonna non ha detto che i piccoli Angeli in Cielo sono i bambini dell’aborto. Ha detto che l’aborto è un grande peccato e che ne rispondono quelle persone che lo hanno fatto, e non i bambini.
Padre Livio: Siete, poi, andati in Purgatorio?
Vicka: Sì, dopo siamo andati in Purgatorio.
Padre Livio: Avete fatto tanta strada?
Vicka: No, il Purgatorio è vicino.
Padre Livio: Vi ha portato la Madonna?
Vicka: Si, tenendoci per mano.
Padre Livio: Vi faceva camminare o volare?
Vicka: No, no, ci faceva volare.
Padre Livio: Ho capito. La Madonna vi ha trasportato dal Paradiso al Purgatorio, tenendovi per mano.
Vicka: Anche il Purgatorio è un grande spazio. In Purgatorio, però, non si vedono le persone, ma solo si vede una grande nebbia e si sente…
Padre Livio: Che cosa si sente?
Vicka: Si sente che le persone soffrono. Sai, si sentono dei rumori….
Padre Livio: Ho appena mandato alle stampe il mio libro: “Perché credo a Medjugorje”, dove scrivo che nel Purgatorio si sentirebbero come dei pianti, delle grida, dei colpi…E’ esatto? Anch’io facevo fatica a trovare le parole giuste in lingua italiana per dare il senso di quello che tu dici in croato ai pellegrini.
Vicka: Non si può dire che si sentono dei colpi e neppure che si sentono dei pianti. Lì non si vedono le persone. Non è come il Paradiso.
Padre Livio: Che cosa si sente allora?
Vicka: Si sente che soffrono. E’ una sofferenza di diverso genere. Si sentono delle voci e anche dei rumori, come uno che si picchia…
Padre Livio: Si picchiano fra di loro?
Vicka: Si sente così, ma io non ho potuto vedere. E’ difficile, Padre Livio, spiegare una cosa che tu non vedi. Una cosa è sentire e un’altra è vedere. In Paradiso tu vedi che camminano, cantano, pregano, e quindi lo puoi riferire con esattezza. In Purgatorio si vede solo una grande nebbia. Le persone che si trovano lì aspettano le nostre preghiere per poter andare quanto prima in Paradiso.
Padre Livio: Chi ha detto che attendono le nostre preghiere?
Vicka: La Madonna ha detto che le persone che si trovano in Purgatorio aspettano le nostre preghiere per poter andare quanto prima in Paradiso.
Padre Livio: Senti, Vicka: la luce del Paradiso potremmo interpretarla come la divina presenza in cui sono immerse le persone che si trovano in quel luogo di beatitudine. La nebbia del Purgatorio, invece, che cosa sta ad indicare, secondo te?
Vicka: Per me, la nebbia è sicuramente un segno di speranza. Loro stanno soffrendo, ma hanno la certa speranza che andranno in Paradiso.
Padre Livio: Mi colpisce che la Madonna insista sulle nostre preghiere per le anime del Purgatorio.
Vicka: Sì, la Madonna dice che hanno bisogno delle nostre preghiere per andare prima in Paradiso.
Padre Livio: Allora le nostre preghiere possono abbreviare il Purgatorio.
Vicka: Se noi preghiamo di più, loro vanno prima in Paradiso.
Padre Livio: Adesso parlaci dell’Inferno.
Vicka: Sì. Prima abbiamo visto un grande fuoco.
Padre Livio: Toglimi una curiosità: si sentiva caldo?
Vicka: Sì. Eravamo abbastanza vicini e davanti a noi c’era il fuoco.
Padre Livio: Capisco. D’altra parte Gesù parla di “fuoco eterno”.
Vicka: Sai, noi vi siamo stati con la Madonna. Per noi è stato un modo diverso. Capito?
Padre Livio: Sì, certo! Certo! Eravate solo spettatori e non attori di quel tremendo dramma.
Vicka: Abbiamo visto le persone che prima di entrare nel fuoco…
Padre Livio: Scusami: ma il fuoco era grande o piccolo?
Vicka: Grande. Era un grande fuoco. Abbiamo visto le persone che prima di entrare nel fuoco sono normali; poi, quando precipitano nel fuoco, vengono trasformati in orribili animali. Si sentono tante bestemmie e le persone che urlano e gridano.
Padre Livio: Questa trasformazione delle persone in orribili animali per me sta a significare lo stato di perversione dei dannati che ardono nelle fiamme dell’odio contro Dio. Toglimi ancora una curiosità: queste persone trasformate in bestie mostruose hanno anche le corna?
Vicka: Cosa? Le corna?
Padre Livio: Quelle che hanno i diavoli.
Vicka: Sì, sì. E’ come quando tu vedi una persona, per esempio una ragazza bionda, che prima di entrare nel fuoco è normale. Ma quando va giù nel fuoco e poi ritorna su, si cambia in una bestia, come se non fosse mai stata una persona.
Padre Livio: ci ha detto Marija, nell’intervista fatta a Radio Maria, che quando la Madonna vi ha fatto vedere l’Inferno durante l’apparizione senza però portarvi nell’aldilà, questa ragazza bionda, quando è uscita dal fuoco, aveva anche le corna e la coda. E’ così?
Vicka: Sì, certo.
Padre Livio: Il fatto che le persone trasformate in bestie abbiano anche le corna e la coda per me significa che sono diventati come dei demoni.
Vicka: Sì, è proprio un modo di essere simile a demoni. E’ una trasformazione che avviene rapidamente. Prima di precipitare giù nel fuoco, sono normali e quando ritornano su sono trasformati.
La Madonna ci ha detto: “Queste persone che si trovano qui all’Inferno vi sono andate con la loro propria volontà, perché loro vi hanno voluto andare. Quelle persone che qui sulla terra vanno contro Dio già incominciano a vivere un Inferno e poi solo continuano”.
Padre Livio: Questo l’ha detto la Madonna?
Vicka: Sì, sì, lo ha detto proprio lei.
Padre Livio: La Madonna ha detto dunque, se non proprio con queste parole, però esprimendo questo concetto, che all’Inferno va chi ci vuole andare, ostinandosi ad andare contro Dio fino alla fine?
Vicka: Ci va chi vuole, certo. Va chi è contro la volontà di Dio. Chi vuole, va. Dio non manda nessuno. Tutti abbiamo la possibilità di salvarci.
Padre Livio: Dio non manda nessuno all’Inferno: l’ha detto la Madonna, o lo dici tu?
Vicka: Dio non manda. La Madonna ha detto che Dio non manda nessuno. Siamo noi che vogliamo andarci, per nostra scelta.
Padre Livio: Quindi, che Dio non manda nessuno lo ha detto la Madonna.
Vicka: Sì, ha detto che Dio non manda nessuno.
Padre Livio: Ho sentito dire o ho letto da qualche parte che la Madonna ha detto che non si deve pregare per le anime dell’Inferno.
Vicka: Per quelle dell’inferno, no. La Madonna ha detto che non si prega per quelle dell’Inferno, ma solo per quelle del Purgatorio.
Padre Livio: D’altra parte i dannati dell’Inferno non vogliono le nostre preghiere.
Vicka: Non le vogliono e non servono a niente.

 

 

Immagine dell’Articolo (il video è appena più sopra)

La Madonna promette a Ivo di fargli ricrescere la gamba!

Succederà  quando il Terzo Segreto sarà rivelato a tutti, cioè il Grande Segno lasciato sulla collina delle Apparizioni e tutti lo vedranno!

Continua a leggere

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE DEL 2 MAGGIO 2016 A MIRJANA

Madonnina-Medj-4

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE
ALLA VEGGENTE MIRJANA
DEL 2 MAGGIO 2016

“Figli miei, il mio cuore materno desidera la vostra sincera conversione e forte fede per poter trasmettere l’amore e la pace a tutti coloro che vi circondano. Però figli miei non dimenticate: ognuno di voi è un mondo unico davanti al Padre Celeste perciò permettete che l’opera dello Spirito Santo agisca su di voi. Siate miei figli puri spiritualmente. Nella spiritualità è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e così bello. Non dimenticate che nell’Eucarestia, che è il cuore della fede, mio Figlio è sempre con voi, viene a voi e spezza il pane con voi perché, figli miei, è morto per voi, è risuscitato e viene nuovamente. Queste mie parole voi le conoscete perché sono la verità e la verità non cambia, solo che molti miei figli l’hanno dimenticata. Figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne. Perciò vi invito, miei figli, a guardare bene i segni del tempo, a raccogliere le croci spezzate e ad essere apostoli dell’annunciazione. Vi ringrazio.”

Traduzione momentanea, a cura degli interpreti di Medjugorje.

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE A MARIJA DEL 25 APRILE 2016

messaggio_marija

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE
ALLA VEGGENTE MARIJA
DEL 25 APRILE 2016

“Cari figli! Il Mio Cuore Immacolato sanguina guardandovi nel peccato e nelle abitudini peccaminose. Vi invito: ritornate a Dio ed alla preghiera affinché siate felici sulla terra. Dio vi invita tramite me perché i vostri cuori siano speranza e gioia per tutti coloro che sono lontani. Il mio invito sia per voi balsamo per l’anima e il cuore perché glorifichiate Dio Creatore che vi ama e vi invita all’ eternità. Figlioli, la vita è breve, approfittate di questo tempo per fare il bene. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio di Maria Regina della Pace di Medjugorje del 25 marzo 2016 a Marija

Madonnina-Medj-4 (1)MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE
ALLA VEGGENTE MARIJA
DEL 25 MARZO 2016
(VENERDI’ SANTO)

Venerdì Santo

“Cari figli! Oggi vi porto il mio amore. Dio mi ha permesso di amarvi e per amore invitarvi alla conversione. Figlioli, voi siete poveri nell’amore e non avete ancora compreso che  mio figlio Gesù per amore ha dato la Sua vita per salvarvi e per donarvi la vita eterna. Perciò pregate figlioli, pregate, per poter comprendere nella preghiera l’amore di Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

MESSAGGIO STRAORDINARIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE A MIRJANA DEL 18 MARZO 2016

Messaggio di Maria Santissima alla veggente Mirjana del 18 Marzo 2016

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE
ALLA VEGGENTE MIRJANA
DURANTE L’APPARIZIONE STRAORDINARIA
DEL 18 MARZO 2016

Cari figli, con cuore materno e pieno d’amore verso ognuno di voi, desidero impegnarvi in un abbandono completo a Dio Padre. Io desidero che voi impariate, guardandovi e ascoltandovi dentro, come seguire la volontà di Dio. Desidero che voi impariate come avere fiducia nella sua grazia e nel suo amore, come anche io avevo sempre fiducia completa in Dio. Per questo, cari figli, purificate i vostri cuori,( Confessione) liberatevi da tutto quello che è terreno e permettete di essere pieni di quello che è da Dio. Permettete che tutto quello che viene da Dio possa, con la preghiera e con il sacrificio, formare la vostra vita, così che nei vostri cuori possa essere il Regno di Dio; così potete iniziare a vivere cominciando da Dio Padre. Provate a camminare sempre con mio Figlio. E per tutto questo, cari figli, dovete essere puri nello spirito, pieni di amore e di misericordia. Dovete avere cuori puri e semplici e dovete essere sempre disposti a servire. Cari figli, ascoltatemi, io dico tutto questo per la vostra salvezza. Vi ringrazio.”

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE A MIRJANA DEL 2 MARZO 2016

messaggio_mirjana

 

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE
ALLA VEGGENTE MIRJANA
DEL 2 MARZO 2016

Cari figli, la mia venuta a voi è per voi un dono del Padre Celeste. Per mezzo del suo amore vengo per aiutarvi a trovare la via verso la verità, a trovare la via verso mio Figlio. Vengo a confermarvi la verità. Desidero ricordarvi le parole di mio Figlio. Egli ha pronunciato parole di salvezza per il mondo intero, parole d’amore per tutti, l’amore che ha mostrato col suo sacrificio. Anche oggi però molti miei figli non lo conoscono, non vogliono conoscerlo, sono indifferenti. A causa della loro indifferenza, il mio Cuore soffre amaramente. Mio Figlio è sempre stato nel Padre. Nascendo sulla terra, ha portato la Divinità, mentre da me ha assunto l’umanità. Con lui la Parola è giunta in mezzo a noi. Con lui è giunta la Luce del mondo, che penetra nei cuori, li illumina, li ricolma d’amore e di consolazione. Figli miei, possono vedere mio Figlio tutti quelli che lo amano, poiché il suo volto è visibile attraverso le anime che sono ricolme d’amore verso di lui. Perciò, figli miei, apostoli miei: ascoltatemi! Lasciate la vanità e l’egoismo. Non vivete soltanto per ciò che è terreno, materiale. Amate mio Figlio e fate sì che gli altri vedano il suo volto attraverso il vostro amore verso di lui. Io vi aiuterò a conoscerlo il più possibile. Io vi parlerò di lui. Vi ringrazio.

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE A MARIJA DEL 25 FEBBRAIO 2016

MESSAGGIO DI MARIA SANTISSIMA ALLA VEGGENTE LUZ DE MARIA DEL 31 GENNAIO 2016

Messaggio di Maria Regina ella Pace di Medjugorje
alla veggente Marija 
del 25 Febbraio 2016

“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti alla conversione. Figlioli, amate poco, pregate ancora meno. Siete persi e non sapete qual’ è il vostro scopo. Prendete la croce, guardate Gesù e seguitelo. Lui si dona a voi fino alla morte in croce perché vi ama. Figlioli, vi invito a ritornare alla preghiera del cuore perché nella preghiera possiate trovare la speranza ed il senso della vostra esistenza. Io sono con voi e prego per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE DI MEDJUGORJE A MARIJA IL 25 GENNAIO 2016

 

MESSAGGIO DI MARIA REGINA DELLA PACE

DI MEDJUGORJE A MARIJA

IL 25 GENNAIO 2016

messaggio_marija

“Cari figli! Anche oggi vi invito alla preghiera. Senza preghiera non potete vivere perché la preghiera è la catena che vi avvicina a Dio. Perciò, figlioli, nell’umiltà del cuore ritornate a Dio e ai Suoi comandamenti per poter dire con tutto il cuore: come in cielo così sia fatto anche sulla terra. Figlioli, voi siete liberi di decidervi nella libertà per Dio o contro di Lui. Vedete come satana vuole trarvi nel peccato e nella schiavitù. Perciò, figlioli, ritornate al Mio Cuore perché Io possa guidarvi a Mio Figlio Gesù che è Via, Verità e Vita. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Messaggio di Maria Santissima Regina della Pace di Medjugorje del 2 Dicembre 2015 alla veggente Mirjana.

Santissima Vergine Maria

Messaggio di Maria Santissima Regina della Pace di Medjugorje del 2 Dicembre 2015 alla veggente Mirjana. 

“Io sono sempre con voi perché mio Figlio vi ha dato in custodia me, e voi, figli miei, voi avete bisogno di me, mi cercate, venite da me e rallegrate il mio cuore materno. Io ho e avrò sempre l’amore per voi, per voi che soffrite e per voi che il vostro dolore e la vostra sofferenza offrite a mio Figlio e a me. Il mio amore cerca l’amore di tutti i miei figli e i miei figli cercano il mio amore. Per mezzo dell’amore Gesù cerca l’unione tra il cielo e la terra, tra il Padre Celeste e voi, figli miei, la sua Chiesa. Perciò bisogna pregare molto, pregare e amare la Chiesa alla quale appartenete. Adesso la Chiesa soffre e ha bisogno degli apostoli, coloro che amando la comunità, testimoniando e donandosi indicheranno le vie di Dio. Ha bisogno degli apostoli, coloro che vivendo con il cuore eucaristico faranno grandi opere. Ha bisogno di voi, miei apostoli dell’amore. Figli miei la Chiesa fin dagli inizi è stata perseguitata e tradita però cresceva di giorno in giorno. E’ indistruttibile perché mio Figlio gli ha dato il cuore: l’Eucaristia, e la luce della sua Resurrezione illuminava e illuminerà voi. Perciò non abbiate paura. Pregate per i vostri pastori affinché abbiano la forza e l’amore di di essere i ponti della salvezza. Vi ringrazio”.

 

mirjana-dragicevic-soldo-medjugorje-visionary-e1328139646156

Foto di Mirjana Dragicevic-Soldo
veggente di Medjugorje

Messaggio di Maria Regina della Pace di Medjugorje del 25 Novembre 2015

Maria Santissima regina della Pace di Medjugorje

Messaggio del 25 novembre 2015

Cari figli! Oggi vi invito tutti: pregate per le mie intenzioni. La pace è in pericolo perciò figlioli, pregate e siate portatori della pace e della speranza in questo mondo inquieto nel quale satana attacca e prova in tutti i modi. Figlioli, siate saldi nella preghiera e coraggiosi nella fede. Io sono con voi e intercedo davanto a mio figlio Gesù per tutti voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio di Maria Regina della Pace di Medjugorje a Mirjana il 2 Novembre 2015

Maria Santissima regina della Pace di Medjugorje

Ecco il testo dell’ultimo messaggio di Medjugorje straordinario dato dalla Regina della Pace alla veggente Mirjana per coloro che non hanno ancora conosciuto l’amore di Dio:

Cari figli, desidero parlarvi di nuovo dell’amore. Vi ho radunati intorno a me nel Nome di mio Figlio, secondo la sua volontà. Desidero che la vostra fede sia salda e provenga dall’amore, perché quei miei figli che capiscono l’amore di mio Figlio e lo seguono, vivono nell’amore e nella speranza. Hanno conosciuto l’amore di Dio. Perciò, figli miei, pregate, pregate per poter amare il più possibile e compiere opere d’amore. Perché la sola fede, senza amore e opere d’amore, non è quello che vi chiedo. Figli miei, quella è una parvenza di fede, è un lodare se stessi. Mio Figlio chiede fede e opere, amore e bontà. Io prego, ma chiedo anche a voi di pregare e vivere l’amore, perché desidero che mio Figlio, quando guarderà i cuori di tutti i miei figli, possa vedere in essi amore e bontà, non odio ed indifferenza. Figli miei, apostoli del mio amore, non perdete la speranza, non perdete la forza: voi lo potete fare! Io vi incoraggio e benedico, perché tutto ciò che è di questa terra — che purtroppo molti miei figli mettono al primo posto — scomparirà e resteranno solo l’amore e le opere d’amore, che vi apriranno le porte del Regno dei Cieli. Io vi attenderò presso quelle porte, presso quelle porte desidero attendere ed abbracciare tutti i miei figli. Vi ringrazio!

La Madonna ha benedetto tutti i presenti e tutti gli oggetti portati.

 

mirjana-dragicevic-soldo-medjugorje-visionary-e1328139646156 Mirjana Dragicevic-Soldo, Veggente di Medjugorje, in Estasi mentre Contempla la “Gospa”, Maria Santissima, Regina della Pace di Medjugorje in una delle Apparizioni che riceve ogni 25 del mese ordinariamente e ogni 2 del mese straordinariamente.

Perchè la Televisione ci allontana da Dio [Testimonianze e Messaggi di Maria Santissima]

bambini-tv

Guardare la televisione è diventata oramai più che una semplice abitudine, non solo per noi Italiani. La televisione è un passatempo, è approfondimento, è studio, è divertimento, è interazione sociale… Ma un pericolo è sempre in agguato nei programmi televisivi, nelle reclam, nei films: il demonio. Ciò che all’uomo può sembrare divertente e scherzoso può in effetti essere spunto di fantasia traviata, di disordine comportamentale, di diseducazione e quindi portare a incomprensioni, litigi, malesseri, egoismo con tutte le persone a noi più prossime e rovinare i nostri rapporti e la Pace, nelle famiglie, nelle amicizie, nelle conoscenze… quindi allontanarci dalla Grazia di Dio. 
La Mamma Celeste ci invita a non eccedere, ci dice che la televisione è un canale facilmente contaminato dal male e che può nuocere all’anima umana. Ci chiede di allontanarci dalla televisione, di staccarla almeno in preparazione delle Feste del Signore (Natale e Pasqua) perchè ci distraggono dalla Preghiera e dal Digiuno, dall’essere quindi un Tutt’Uno con suo Figlio Gesù, il nostro Salvatore e nostro Dio e attraverso Lui Uniti nel Padre per opera dello Spirito Santo. La Mamma Celeste non vuole forzare nessuno ma come Madre della Verità e Misericordia, ci mette in guardia da ciò che succede se ci lasciamo prendere dalle lusinghe del mondo, attraverso ciò che è stato creato dall’uomo appunto per l’uomo, e non alziamo i nostri Occhi verso il Cielo, li dove c’è il nostro vero Fine, Sostentamento, la nostra Gioia, e il nostro Tutto. Vediamo dunque due Testimonianze che riguardano i Messaggi dati a Medjugorje dalla Regina della Pace sull’abbandonare le abitudini dannose.

Lorenza sul guardare la televisione

…Maria ci chiede di spegnere la televisione durante i nove giorni che precedono le grandi feste, come Pasqua e Natale …

Lorenza è una giovane che lavora in una grande città dell’Olanda. Ogni anno viene a Medjugorje e fa un bel cammino col Signore… Vive da sola e diffonde con molto zelo i messaggi della Vergine; non è mai disoccupata quando si tratta di servirla! L’esperienza che condivide ora con noi, potrà ispirarci ed aiutarci ad usare bene della nostra libertà!

“Non guardavo la televisione da 15 anni. Ma quattro mesi fa ho fatto l’abbonamento. Il mio scopo era di essere informata sulle attualità. Il risultato è stato che dopo 4 mesi ho dovuto disdire l’abbonamento. Ero proprio convinta di aver preso la decisione giusta. Perché?? Perché quando alla sera guardo la TV, divento vuota. Anche se è un programma di attualità che mi informa su quello che accade nel mondo, e per il quale poi posso pregare, no, per me questo non funziona! Ogni volta è la stessa cosa. Dopo un’ora di programma non riesco più a pregare perchè il mio cuore si è indurito e qualcosa si è separato da Dio, separato dalla mia sorgente. Non riesco più a pregare per gli avvenimenti perché il mio spirito è turbato. Mi sono allora chiesta perché avviene questo? Ho trovato la risposta: quando guardo la televisione, lo spirito del mondo entra nel mio cuore. Nello stesso momento in cui accendo, mi collego volontariamente allo spirito del mondo; dico coscientemente “sì” allo spirito del mondo. Poi questo spirito corrode in me ciò che mi lega a Dio e mi trovo sempre più vuota.

Dopo aver preso la decisione di abolire la televisione, il giorno dopo ho disdetto l’abbonamento. Mentre impostavo la lettera, una grande gioia è entrata nel mio cuore. Ero immersa nella luce e percepivo tangibilmente che il Cielo approvava la mia decisione. Allora ho detto alla Madonna: “Poiché non guardo più le notizie alla TV, voglio passare questo tempo a dire il Rosario. Da allora, prego effettivamente un Rosario intero ogni sera e sento che non sto perdendo affatto il mio tempo! Al contrario, guardando la tele, perdevo tempo e la mia vita nello Spirito. Da che dico il Rosario, ho cominciato a desiderare molto di fare il digiuno. Mi sono proprio accorta che quando si è costanti in un ambito, si ha la forza di crescere e di poter essere costanti anche in altri campi. La preghiera del Rosario recitato tutte le sere, mi ha dato la forza e la capacità di digiunare a pane ed acqua, come lo chiede la Vergine.

Non voglio generalizzare, perchè questo è il mio modo di dare a Dio il primo posto in questo ambito della mia vita. Ho capito che questo era ciò che il Signore desiderava da me: tagliare con la televisione, almeno fino a che è così come è adesso. Se si decide di guardare la televisione, mi sembra che sia necessaria una grande vigilanza per proteggersi dal Maligno. Egli è efficace attraverso alcuni programmi!”

 

Sr. Emmanuel sul guardare la televisione

– Negli anni 80, la Gospa ha nominato qualche volta la televisione, ma non l’ha mai proibita, non ci ha mai chiesto di buttare via i televisori. Come una Madre, sa che per alcuni dei suoi figli sarebbe troppo difficile. (Chi soffre di depressione o è nella totale solitudine, non ha che la tele per sentire altre voci). Inoltre alcune trasmissioni sono molto belle; sta a noi fare in modo che ce ne siano molte! Ma per i giorni di digiuno la Gospa ha detto:

“Se non avete la forza di digiunare a pane ed acqua, potete rinunciare ad alcune cose. Sarebbe buona cosa rinunciare alla televisione, perché dopo aver guardato alcuni programmi, siete distratti ed incapaci di pregare…” (Dic. 1981)

“Se guardate i programmi televisivi, i giornali, avete la testa piena di notizie ed allora non c’è più posto per me nei vostri cuori” (17 Aprile 1986)

Ai giovani del gruppo di preghiera formato e guidato da Lei a Medjugorje per sette anni, ha detto:

“Rinunciate a tutte le passioni e desideri disordinati. Evitate la televisione, specialmente i programmi nocivi, gli sport eccessivi, l’uso smodato del mangiare e del bere, l’alcool, il fumo…” (primo punto della loro regola di vita, comunicato a Jelena Vasilj, il 16 Giugno 1983).

Maria ci chiede di spegnere la televisione durante i nove giorni che precedono le grandi feste, come Pasqua e Natale; Lei auspica che la famiglia si riunisca e, Bibbia alla mano, condivida sul testo ciò che riguarda la festività (come fanno gli Ebrei).

Per concludere, ecco ciò che la nostra amica Lorenza mi ha scritto:

“La sera, a qualsiasi ora, prego un’ora in silenzio prima di addormentarmi. E’ proprio in questo momento che la gioia mi riempie e che tutto si mette a posto. Certo è importante avere dei contatti con gli altri per crescere nella vita spirituale, telefonando, per esempio, ma mi rendo conto che questo è possibile solo dopo esser stata alla presenza del Signore, nella preghiera. Prima viene la preghiera, il resto viene dopo!
Concretamente, se devo scegliere tra parlare con qualcuno o pregare, do la priorità alla preghiera. Ricevo così la libertà interiore necessaria per lasciarmi condurre dallo Spirito Santo. E’ Lui che mi indica se è opportuno o no, contattare quella persona”.

I 10 Segreti di Medjugorje : dalle Interviste ai Messaggi di Maria Regina della Pace.

A pochi mesi dall’inizio delle apparizioni, la Vergine Maria ha cominciato ad affidare alcune informazioni ai veggenti di Medjugorje che non avevano il permesso di condividere con altre persone. Queste informazioni sono profezie, eventi futuri predetti dalla Vergine. All’interno del movimento di Medjugorje essi sono indicati come “segreti”, un termine che i veggenti stessi sono stati i primi a coniare.
Continua a leggere