Cosa dicono i Santi di Dio sul peccato di Omosessualità?

 


C’è una falsa corrente di “giustizia” nel mondo, è quella portata dai falsi Cristi e falsi profeti che dicono “non si deve giudicare” con l’imposizione di voler zittire non solo la Verità che li divora dall’interno e marchia a fuoco la loro coscienza e di procurare tale delirio e perdizione anche a tutti coloro i quali disgraziatamente vogliono seguirli nel essere immondi ma con l’arroganza e la prepotenza di impedire che la Parola di Dio e dei suoi Santi venga loro manifestata e portata ai cuori di chi ha desiderio di conoscerla.
Sono anime depravate e chiuse nell’ostinazione del loro peccato, perse nelle tenebre e prive di quella Luce indispensabile che porta intelletto nell’uomo (“senza di te nulla è nell’uomo nulla è senza colpa” diciamo nella preghiera allo Spirito Santo), non possono dare consiglio a nessuno e tuttavia impongono il loro sbaglio anche agli altri. E’ proprio di loro che nostro Signore ci metteva in guardia quando affermava: non date le vostre perle ai porci” e ancora di essere furbi come serpenti ma candidi come colombe. Se un peccatore vuole rimanere nel peccato che sia lasciato nelle mani di satana, diceva San Paolo perché così possa essere corretto e salvarsi, altrimenti sarebbe non solo causa della rovina delle anime che vivono nel Signore ma neanche potrebbe trovare Salvezza. Come Cristiani abbiamo l’obbligo di servire e seguire solo il nostro Signore Gesù Cristo che è Dio e vive e Regna con il Padre nell’Unità dello SPirito Santo, tutto il resto viene a noi perché è Dio che lo vuole e ce lo comanda, e mai se si mette al di sopra dell’amore che si deve a Lui. Noi amiamo il nostro prossimo come noi stessi solo in virtù e per amore di Dio, quindi da tali individui che sono anticristi pur se “persone” comuni non bisogna scelndere a patti ne lasciarsi intimorire perché solo Dio ha il potere di giudicare e di mandare nel fuoco della Geenna e il corpo e l’anima, e seguendo il suo volere si è indiscutibilmente sicuri di compiere ciò che è Giusto e Buono per tutti.


Cosa ne pensano i Santi di Dio sul peccato di omosessualità?

SAN PAOLO: “…Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che si addiceva al loro traviamento….. E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa” (Rm 1, 26-32); Ma veniamo a qualche altra citazione: “…Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio” (1 Cor. 6,9-10); “…La legge non è fatta per il giusto, ma per i non giusti e riottosi, per gli empi e di peccatori, per gli scellerati e i profani, per i padricidi e matricidi e omicidi, per i fornicatori, per i sodomiti, per i ladri d’uomini, i bugiardi, gli spergiuri…”(1 Tm. 1,9).

SANT’AGOSTINO: “I delitti che vanno contro natura, ad esempio quelli compiuti dai sodomiti, devono essere condannati e puniti ovunque e sempre. Quand’anche tutti gli uomini li commettessero, verrebbero tutti coinvolti nella stessa condanna divina: Dio infatti non ha creato gli uomini perché commettessero un tale abuso di se stessi. Quando, mossi da una perversa passione, si profana la natura stessa che Dio ha creato, è la stessa unione che deve esistere fra Dio e noi a venir violata” (Confessioni, c.III, p.8)

 
SAN GREGORIO MAGNO: “Che lo zolfo evochi i fetori della carne, lo conferma la storia stessa della Sacra Scrittura, quando parla della pioggia di fuoco e zolfo versata su Sodomia dal Signore. Egli aveva deciso di punire in essa i crimini della carne, e il tipo stesso del suo castigo metteva in risalto l’onta di quel crimine. Perché lo zolfo emana fetore, il fuoco arde. Era quindi giusto che i sodomiti, ardendo di desideri perversi originati dal fetore della carne, perissero ad un tempo per mezzo del fuoco e dello zolfo, affinchè dal giusto castigo si rendessero conto del male compiuto sotto la spinta di un desiderio perverso” (Commento morale a Giobbe, XIV, 23, vol. II, pag. 371);

SAN PIER DAMIANI: “Questo vizio non va affatto considerato come un vizio ordinario, perché supera per gravità tutti gli altri vizi. Esso infatti, uccide il corpo, rovina l’anima, contamina la carne, estingue la luce dell’intelletto, caccia lo Spirito Santo dal tempio dell’anima” (Liber Gomorrhanus, in Patrologia latina, vol. 145, coll. 159-190);

SAN TOMMASO D’AQUINO:  “Nei peccati contro natura in cui viene violato l’ordine naturale, viene offeso Dio stesso in qualità di ordinatore della natura” (Summa Teologica, II-II, q. 154, a. 12);

 

 

 

SANTA CATERINA DA SIENA: “…Commettendo il maledetto peccato contro natura, quali ciechi e stolti, essendo offuscato il lume del loro intelletto, non conoscono il fetore e la miseria in cui sono…” (Dialogo della Divina Provvidenza, cap. 124)

SAN BERNARDINO DA SIENA: “Più pena sente uno che sia vissuto con questo vizio de la sodomia che un altro, perocchè questo è maggior peccato che sia” (Predica XXXIX in: Prediche volgari, p. 915);

SAN PIETRO CANISIO: “…Di questa turpitudine mai abbastanza esecrata sono schiavi coloro che non si vergognano di violare la legge divina e naturale” (dottore della Chiesa- Summa Doctrina Christianae, III a/b, p. 455).

 


LO DICE GESU’ VERO DIO E VERO UOMO

 

«Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare» (Lc. 9, 38-47).

«Razza di vipere (Lc. 3,7) sepolcri imbiancati» (Mt. 23, 27).

«Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna» (Mt. 5, 29-30).


“Lo schiavo della lussuria diviene ladro e barattiere, crudele, omicida, pur di servire la sua padrona”. Rivelazione di Gesù a Maria Valtorta

 

 

 

 

Commenti

commenti

error: Content is protected !!