«Da dove vieni?» «Dal tormento! Io non ho mai pensato alla mia anima!»

Anime del Purgatorio : Testimonianze

I miei colloqui con le povere anime

La principessa tedesca Eugenia von der Leyen (morta nel 1929) lasciò un Diario in cui narra le visioni e i dialoghi da lei avuti con anime purganti apparsele in un periodo di circa otto anni (1921-1929). Scrisse per consiglio del suo direttore spirituale. Leggiamone alcune:

«Io non ho mai pensato alla mia anima!»

11 luglio 1925 Adesso ho visto a U… sedici volte Isabella. Io: «Da dove vieni?». Lei: «Dal tormento!». Io: «Eri una mia parente?». Lei: «No!». Io: «Dove sei sepolta?». Lei: «A Parigi». Io: «Perché non riesci a trovar pace?». Lei: «Io non ho mai pensato alla mia anima!». Io: «Come ti posso aiutare?». Lei: «Una santa Messa». Io: «Non avevi più parenti?». Lei: «Essi hanno perduto la fede!». Io: «Sei sempre stata qui al castello in tutto questo tempo?». Lei: «No». Io: «E perché adesso?». Lei: «Perché ci sei tu». Io: «Ma quando eri viva sei stata qui parecchio?». Lei: «Sì, io ero l’amica di molti». Essa è impeccabile, compitissima…

«Tu potresti fare ancora di più, ma tu pensi troppo a te stessa»

11 agosto. Il povero Martino venne di nuovo da me in giardino. Io: «Che cosa vuoi di nuovo? Io faccio quello che posso per te». Lui: «Tu potresti fare ancora di più, ma tu pensi troppo a te stessa». Io: «Tu non mi dici niente di nuovo, purtroppo. Dimmi anche altro, se vedi qualche cosa di cattivo in me». Lui: «Tu preghi troppo poco e perdi forza andando in giro con la gente». Io: «Lo so, ma non posso vivere solo per voi. Che cosa vedi ancora in me, forse peccati per i quali tu devi patire?». Lui: «No. Altrimenti non mi potresti vedere né aiutare». Io: «Dimmi ancora di più». Lui: «Ricòrdati che io sono soltanto anima».
Mi guardò allora con tanta amabilità, che mi riempì proprio di gioia. Ma io avrei voluto sapere ancora di più da lui. Se io potessi dedicarmi solo alle povere anime, sarebbe una gran bella cosa, ma… gli uomini!

«I morti non possono dimenticare…»

23 agosto si presenta a Eugenia un’anima in forma di uomo anziano. Tornò il 27 agosto.
Narra la principessa:
Egli parla. Mi gridò: «Aiutami!». Io: «Volentieri, ma chi sei?». «Io sono la colpa non espiata!». Io: «Che cosa devi espiare?». Lui: «Sono stato un diffamatore!». Io: «Posso fare qualcosa per te?». Lui: «La mia parola sta nello scritto e vi continua a vivere, e così la menzogna non muore!» […].
28 agosto. Io: «Ti va meglio? Ti sei accorto che ho offerto per te la santa Comunione?». Lui: «Sì, così tu espii i miei peccati di lingua». Io: «Non puoi dirmi chi sei?». Lui: «Il mio nome non dev’essere più fatto». Io: «Dove sei sepolto?». Lui: «A Lipsia» […].
4 settembre. Egli venne da me sorridendo. Io: «Oggi mi piaci». Lui: «Vado nello splendore». Io: «Non dimenticarti di me!». Lui: «I vivi pensano e dimenticano, i morti non possono dimenticare che cosa ha dato loro l’Amore». E disparve. Alla fine ancora una consolazione. Chi fu? Chiesi a tanti, ma non ebbi risposta.

«Vedo tutto così chiaro!»

24 aprile 1926 Da oltre quattordici giorni viene un uomo assai triste e miserevole. 27 aprile. Era molto agitato e piangeva.
30 aprile. Egli irruppe in pieno giorno nella mia stanza come fosse stato inseguito, aveva la testa e le mani insanguinate. Io: «Chi sei?». Lui: «Mi devi pure conoscere!… Io sono sepolto nell’abisso!» [questa parola fa pensare al primo versetto del salmo 129, il più usato nella liturgia di suffragio per i defunti].
1 maggio. Venne di nuovo di giorno […]. Lui: «Sì, io sono dimenticato nell’abisso». E se ne andò piangendo […].
5 maggio. Mi venne in mente che poteva essere Luigi…
6 maggio. Allora è proprio come pensavo. Io: «Sei il signor Z. dell’infortunio alpinistico?». Lui: «Tu mi liberi»… Io: «Tu sei salvo». Lui: «Salvato, ma nell’abisso! Dall’abisso io grido verso di te». Io: «Devi ancora espiare così tanto?». Lui: «Tutta la mia vita fu senza un contenuto, un valore! Quanto sono povero! Prega per me!». Io: «Così ho fatto a lungo. Io stessa non so come lo possa fare». Egli si tranquillizzò e mi guardò con infinita gratitudine. Io: «Perché non preghi tu stesso?». Lui: «L’anima è soggiogata quando conosce la grandezza di Dio!». Io: «Me la puoi descrivere?». Lui: «No! Lo straziante desiderio di rivederla è il nostro tormento» […]. Lui: «Vicino a te noi non soffriamo!». Io: «Ma andate piuttosto da una persona più perfetta!». Lui: «La via è segnata per noi!».
7 maggio. Egli venne alla prima colazione del mattino. Era quasi una cosa insopportabile. Finalmente potei andarmene, e quasi nel medesimo istante egli era di nuovo accanto a me. Io: «Per favore, non venite mentre sono fra la gente». Lui: «Ma io vedo solo te!» […]. Io: «Ti accorgi che oggi sono stata alla santa Comunione?». Lui: «E appunto questo che mi attrae!». Ho pregato a lungo con lui. Ora aveva un’espressione assai più contenta.
9 maggio. Luigi Z… fu qui molto a lungo, e ha continuato a singhiozzare. Io: «Perché oggi sei così triste? Non ti va forse meglio?». Lui: «Io vedo tutto così chiaro!». Io: «Che cosa?». Lui: «La mia vita perduta!». Io: «Il pentimento che hai adesso ti aiuta?». Lui: «Troppo tardi!». Io: «Hai potuto pentirti subito dopo la tua morte?». Lui: «No!». Io: «Ma dimmi, com’è possibile che tu ti puoi mostrare solo così com’eri da vivo?». Lui: «Per la Volontà [di Dio]».
13 maggio. Z… è qui agitato […]. Lui: «Dammi l’ultima cosa che hai, poi sono libero». Io: «Bene, allora non voglio pensare ad altro». Egli era sparito. Per la verità non è tanto facile ciò che gli ho promesso.
15 maggio. Io: «Sei contento adesso?». Lui: «La pace!». Io: «Viene sopra di te?». Lui: «Verso la luce abbagliante!». Durante il giorno venne tre volte, sempre un po’ più contento. Fu proprio il suo commiato.

 

Un oppressore dei poveri

20 luglio 1926 È un uomo vecchio. Indossa il costume del secolo scorso. Io: «Ce n’è voluto del tempo prima che tu sia riuscito a farti vedere in modo appropriato». Lui: «Tu ne sei responsabile! […] Devi pregare di più!». Se ne andò per ritornare due ore dopo. Io avevo dormito; sono così stanca da morire. Non ne posso più. Tutto il giorno non avevo avuto un momento libero per me stessa! Io: «Vieni, adesso voglio pregare con te!». Mi sembrò contento. Mi si avvicinò. È un uomo anziano, con farsetto bruno e una catenina d’oro. Io: «Chi sei?». Lui: «Nicolò». Io: «Perché non hai pace?». Lui: «Io fui un oppressore dei poveri, ed essi mi hanno maledetto» […]. Io: «E in che modo ti posso aiutare?». Lui: «Col sacrificio!». Io: «Che cosa intendi per sacrificio?». Lui: «Offrimi tutto quello che più ti pesa!». Io: «La preghiera non ti giova più?». Lui: «Sì, se ti costa!». Io: «Ci dev’essere sempre insieme l’offerta della mia volontà?». Lui: «Sì». Rimase ancora parecchio […].
29 luglio. Nicolò mi poggiò la mano sul capo e mi guardò con tanta simpatia, che dissi: «Hai una faccia così contenta, puoi andare dal buon Dio?». Nicolò: «La tua sofferenza mi ha liberato» […]. Io: «Non tornerai più?».
Lui: «No» […]. Mi si accostò di nuovo e mise la mano sul mio capo. Non fu una cosa da far paura; oppure forse io sono ormai insensibile.

Eugenie von der Leyen, Meine Gespràche mit armen Seelen, Editorial Arnold Guillet, Christiana Verlag, Stein am Rhein. La traduzione in lingua italiana porta il titolo: I miei colloqui con le povere anime, 188 pp., ed è curata da don Silvio Dellandrea, Ala di Trento (al quale deve rivolgersi chi desidera acquistare il libro, essendo un’edizione fuori commercio). Qui sono citate, dell’ed. italiana, le pp. 131, 132-133, 152-154 e 158-160.

Commenti

commenti

error: Content is protected !!